Crea sito

Manovra di Epley blocca le vertigini

84

Ecco come bloccare le vertigini eseguendo la manovra di Epley. Le vertigini, dette anche labirintolitiasi, sono dovute allo spostamento nei canali semicircolari di alcuni cristalli (gli otoliti) che dovrebbero stare sulle macule del sacculo e dell’utricolo. Basta applicare la manovra di Epley che ha come obiettivo il rientro degli otoliti nella loro sede. Questi otoliti possono essere danneggiati da traumi cranici, infezioni o altri disordini dell’orecchio interno, o anche solo dall’età avanzata.

Manovra di Epley blocca le vertigini

Manovra di Epley blocca le vertigini

Manovra di Epley blocca le vertigini

Nel campo della Salute, meglio conoscere metodi semplici ed efficaci che evitano di dover ricorrere a medicinali e visite mediche. Attenzione: Se i sintomi durano minuti od ore, è più probabile che si tratti della Malattia di Ménière o di un neurinoma del nervo acustico, che possono essere differenziati con l’ausilio di una valutazione dell’udito.

Bloccare le vertigini

Obiettivo della Manovra di Epley è spostare questi cristalli, riportandoli nella loro posizione originale. La percentuale di successo in questo obiettivo, che porta ad un sollievo sintomatologico, è superiore all’80%. In più dei 394 pazienti riportanti i 3 diversi Trial controllati, la risposta mediana era dell’81% con la Manovra di Epley, in confronto al 37% dei soggetti non trattati o trattati con placebo (Cochrane Database Syst. Rev. 004;2:CD003162).

Vediamo nel dettaglio le fasi della procedura.

Manovra di Epley blocca le vertigini
  • La manovra di Epley inizia con il paziente seduto (A); il medico lo porta bruscamente in posizione supina con la testa ruotata a 45 gradi verso il lato sintomatico (B).
  • Il capo viene mantenuto in questa posizione per 30-60 secondi, in base alla durata della vertigine (osservate il nistagmo) in genere 30 secondi sono sufficienti, e il paziente è sintomatico per vertigine solo durante i primi 10 secondi.
  • Dopo questo, si fa ruotare la testa del paziente dall’altro lato (C) e la si mantiene in questa posizione per altri 30-60 secondi (si può avere nuovamente vertigine).
  • A questo punto girate il paziente nella stessa direzione del suo fianco, mantenendo il capo a 45 gradi e con il naso puntato verso il pavimento (D).
  • Mantenete il soggetto in questa posizione per ancora 30 secondi (anche in questo caso si può verificare una nuova vertigine.
  • Alla fine, si riporta il paziente in posizione seduta per 15 secondi, con la testa mantenuta lievemente ruotata verso il basso per circa 1 minuto.
READ  Meglio le lenti a contatto giornaliere?

Tutta la sequenza si ripete due volte. Fate attendere almeno 10 minuti il paziente dopo il trattamento, e sconsigliare che guidi. Attenzione! La manovra deve essere fatta con cautela se il paziente ha una stenosi delle carotidi di alto grado o patologie del collo, o se si sviluppano sintomi neurologici diversi dalla vertigine. Si può utilizzare in questi casi la Manovra di Sermont, molto popolare in Europa, nella quale il paziente viene spostato rapidamente da un lato all’altro. Il trattamento è efficace nel 90% dei casi dopo 4 ripetizioni della manovra. Se la manovra non ha successo il paziente deve essere inviato allo specialista ORL.

Se desideri imparare di più sulla manovra di Epley guarda questo fumetto interattivo che ti fa vedere bene le varie fasi. Interessante articolo dell’associazione American Family Physician. Se la manovra di Epley è riuscita bene il paziente con le vertigini otterrà un rapido sollievo.